Negli ultimi anni abbiamo assistito all’ emergere di un nuovo fenomeno politico: in alcuni casi i movimenti sociali hanno assunto un ruolo più preminente nello spazio elettorale, in altri sono emersi nuovi partiti politici dai movimenti sociali, in altri movimenti politici e sociali hanno unito le forze per creare nuove realtà che stanno ridefinendo la visione politica attuale.

Il fenomeno si ripete in diversi continenti. Podemos e le Municipalità rinnovate in Spagna, France Insoumise, DiEM25 in Europa e il Frente Amplio cileno sono varianti diverse  di questo fenomeno.

Tuttavia, nonostante i progressi, ci sono molte sfide: come possono coesistere movimenti e partiti senza rinunciare alla propria identità? Come evitare di essere etichettati come ingenui fenomeni di sinistra? Come renderli veramente trasversali? Come possono dare partecipazione alle persone? Come possono evitare la dipendenza da determinate figure mediatiche per avere spazio nei media? E come possono bilanciare la necessità di una partecipazione aperta e “orizzontale” e mantenere al tempo stesso meccanismi efficaci di decisione di relazione con i rappresentanti eletti? Come progredire negli obiettivi sociali di queste piattaforme e partiti di fronte all’avanzare del neoliberismo?

Tutto questo e altro ancora sarà sviluppato in quest’area tematica.

Participanti:
Sabine Rubin, France Insoumise, Francia
Tomás Hirsch, Humanist Party, Cile
Luis Silva García, Podemos La Rinconada, Spagna
Orla de Diez, DiEM25, Spagna
Marcos Cleri, Unidad Ciudadana, Argentina
Juan Luis Ruiz-Giménez, La Marea Blanca, Spagna
Afectados por las Hipotecas, Spagna
Miguel Angel Fernández, Malaga Ahora, Spagna

Contatto:
Juana Perez

Programma:

Links:

per più info e partecipare