Per la difesa della casa comune

Lo stato dell’ambiente si sta deteriorando da decenni. La crisi ambientale ha oramai una dimensione globale e già dagli anni ’70 ha iniziato a manifestarsi in tutta la sua pienezza.

Stiamo assistendo a gravi squilibri tecnologici: siamo arrivati su Marte, ma non possiamo sostituire il motore a scoppio delle nostre auto. In molte aree metropolitane del mondo l’inquinamento atmosferico è una delle principali cause di morte. Investiamo in armamenti sempre più sofisticati, ma non possiamo soddisfare i bisogni più elementari della maggior parte delle popolazioni. Nonostante l’enorme progresso tecnologico che ha avuto luogo negli ultimi duecento anni, il pianeta è oggi in una condizione limite. Il progresso tecnologico ha permesso  una esistenza più confortevole,  facendo retrocedere molte malattie  e allungando  l’aspettativa di vita (tutto questo però solo per una minoranza della popolazione del pianeta), ma allo stesso tempo ha saccheggiato le risorse del pianeta, distrutto l’ambiente naturale e riempito il nostro ambiente con rifiuti pericolosi e scorie.

La tendenza dell’essere umano a trasformare a proprio favore l’ambiente circostante è stata invertita, mettendo in pericolo la sua stessa sopravvivenza, sotto la pressione di gruppi ristretti al potere che agiscono secondo riflessi primitivi, considerando i propri interessi opposti a quelli degli altri.

Alla base di questo squilibrio sta la violenza contro la natura e contro gli esseri umani, che si esprime nello sfruttamento, la discriminazione e l’autoritarismo.

Per questo crediamo che ecologia e giustizia sociale siano due temi strettamente legati sintetizzabili nella denominazione di Ecologia Sociale.

Dobbiamo dare vita ad un “Principio di Responsabilità” verso tutto il  vivente, verso le generazioni future e verso tutte le specie che coabitano il Pianeta. Mettiamo  in discussione il forsennato sviluppo economico, auspicando la nascita di una società veramente umana e sostenibile.

Nel Forum vorremmo discutere di:

  • Ricostruire il tessuto sociale basandolo sui valori della compassione e della nonviolenza applicati tanto nelle relazioni interpersonali quanto nella relazione uomo–natura.
  • Promuovere uno sviluppo sostenibile e duraturo che  garantisca a tutti  gli stessi diritti e opportunità nell’accesso alle risorse senza per questo distruggere il pianeta.
  • Misurare il progresso non più in termini di aumento della ricchezza materiale (PIL), ma in termini di benessere per tutti e di qualità dell’ambiente, tenendo conto che dovremo lasciare in eredità alle future generazioni un pianeta sano e equilibrato.

Contatto: Marco Inglessis
per più info e partecipare

Programma

SESSIONE 1:
12.15-13.45h
 Introduzione e parole di benvenuto Marco Inglessis “Ecologia sociale”
 Contributo video: Vandana Shiva “La pace cresce prendendosi cura della Terra e degli esseri umani”
ACQUA E POVERTÀ
 Talk di Riccardo Petrella: “Acqua come bene comune e lotta alla povertà: una grande sfida per l’umanità”
 Discussione
NUCLEARE MILITARE E CIVILE
 Contributo video: Alfonso Navarra “L’inverno nucleare”
 Talk di Quintina Valero: progetto fotografico “Life after Chernobyl” e Collective “Food of War”
 discussione.
SESSIONE 2:
16.15-17.45h
 
ENERGIE ALTERNATIVE
 Contributi video:
Domenico Coiro “L’energia rinnovabile dell’oceano, del fiume e del vento: una possibile alternativa per alimentare con energia elettrica le comunità povere”
Giorgio Schultze “Energia, ambiente, cambiamenti climatici, memoria della biosfera”.
 Discussione
SICUREZZA ALIMENTARE
 Contributi video:
Semi in resistenza (organizzazione senza scopo di lucro GRAIN)
Raffaele Cirone: “Api e clima: come influiscono i cambiamenti climatici sulle nostre vite”
Talk di Jacopo Segnini “Sostenere la sicurezza alimentare delle comunità rurali attraverso progetti comunitari per allevamento del  pollame e orticoltura “
Talk di Claus Kier “Se il corpo fosse un oceano, come lo alimenteresti?”
Discussione
NATURA E SPIRITUALITÀ
 Contributo ed esperienza di Roberto Benatti “Spiritualità nella natura”

Promotori:
Energia per i diritti umani, Pressenza, Massaggio di Silo (Roma), NoiEnergie (Milano), Associazione Dialogare.

Participanti:

Roberto Benatti, Evelyn Rottengatter, Claus Kier, Thomas Schmidt, Giorgio Schultze, Jacopo Segnini, Edoardo Calizza

Links: