Un’ immagine non è solo ciò che i nostri occhi percepiscono. La produzione di immagini è anche un’ attività fondamentale della coscienza umana, che ci mobilita verso un nuovo stato dell’ essere: da una semplice immagine dell’ incontro con un amico, o della camminata, a un’immagine più complessa come quella di una rivoluzione sociale. Il corpo non si muove a meno che non ci sia prima un’immagine, una rappresentazione generata nella coscienza. Un’ immagine, in questo senso, non è solo una rappresentazione nel nostro cervello, è un gioco di emozioni e stati d’animo, con una catena di associazioni con altre immagini e ricordi; e può essere accompagnata da una carica energica forte che ci spinge a fare grandi cose, o, in caso contrario, ci lascia seduti sul divano a non fare nulla.

In quest’ area tematica approfondiremo questo tema e ci chiederemo come possiamo stimolare la nostra mente, in un mondo di immagini negative, a creare nuove immagini positive e trascendenti.

Per fare un esempio, il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan è stato molto turbato e ispirato dalle immagini del film “The Day After”. E che ha portato al vertice con il Presidente russo Mikhail Gorbaciov, che ha quasi cancellato le armi nucleari del pianeta.

Coordinano:
Nikos Stergiou e Evita Paraskevopoulou, Mondo Senza Guerre e Senza Violenza.

Programma:
Immagini nell’attivismo sociale.
Presentazione del progetto fotografico “Unite Cyprus Now”.
Presentazione del film “Balkan Blue”, grazie a FICNOVA, Festival Internacional de No-violencia Activa.

links:
Mundo sin guerras y sin violencia
FICNOVA

Per contatti e iscrizioni: